Anime non Nate

Voi lettrici sapete bene che ormai da tempo mi interesso del mondo femminile e di quanto vorrei portare luce e chiarezza in tante situazioni tipiche che appartengono alle donne. In particolar modo in quelle situazioni di donna/madre in cui molti bambini non sono potuti nascere a prescindere dalla modalità, se voluta o meno. Ad alcuni esseri di luce il corpo materno è negato o non è stato in grado di accogliere il cammino. Quel corpo che permette ad un’anima di presentarsi al mondo: amor che bello averti dato al mondo, quando l’alba esploderà…” canta Gianna Nannini, esperienza unica per una donna, perché generare una vita ed è uno degli scopi fondamentali che l’essere umano compie.

Hanno una sofferenza queste anime che non si presentano al mondo?

Lasciano un segno nel campo energetico della madre e in quello familiare?

Insegnano qualcosa che vuole essere riconosciuto?

Parlare di aborto, al di là se spontaneo o volontario, si mette un dito su una piaga che spesso è lenta a rimarginare e ancor più spesso rimane aperta e sanguinante. Ho conosciuto donne che mi hanno detto: ho perso un figlio con un aborto. E’ vero, un aborto è una perdita di un figlio. Solo guardando con amore a questo figlio, con la massima comprensione e accettazione si può curare la ferita profonda che arriva fino all’anima, quando un figlio non nasce… qualcosa si cristallizza per sempre.

La presenza, l’essenza, la scintilla di quell’essere, torna a fluire senza aver potuto fare un’esperienza di vita per far evolvere la sua anima, la porta del mondo terreno rimarrà chiusa, senza speranza di riuscita. Un segno indelebile nel grembo della madre e per risonanza a tutti gli altri suoi figli se ci fossero, un segno che rimarrà inciso, perché dentro quel piccolo seme, a modello di un acino d’uva, c’è la vita.

Non si sa da dove nasce un’anima e quante volte abbia fatto il suo cammino, certamente il suo inizio si perde nel tempo dei tempi. Alle donne che hanno avuto questa esperienza di perdita a volte capita di vedere e percepire spostamenti luminosi intorno a loro e vivono alcuni istanti come in una bolla d’aria. Le onde di energia vanno e vengono, spesso sono così irrompenti da materializzarsi in forma visibile, una madre che aveva perso il figlio con un aborto spontaneo, mi disse che alcune ore dopo aveva visto una piccola luce dorata al suo capezzale del letto, credeva fosse il riverbero del sole, ma chiesta l’ora le dissero che erano le ore 22.00, percepì e capì di aver visto l’essenza di quel piccolo embrione mai nato. Spesso i potenziali genitori non si rendono conto di ciò che avviene con un aborto, ancor meglio essi non riescono a vedere questa realtà interiore perché fa molta paura e si dice che quando la paura bussa alla porta è il coraggio che va ad aprire. Manca il coraggio di vedere in faccia la realtà e così oltre alla porta chiusa si sigillano anche le finestre. La paura è l’opposto dell’amore e non vede la luce, chi ha paura non riesce a progredire e a portare dei cambiamenti energetici alla propria anima. Con lo Schema di Nascita e con le Costellazioni Familiari si vedono molto bene queste dinamiche che hanno un effetto sorprendente sui rappresentanti. Quanto ha bisogno un’anima di un bimbo mai nato di essere vista, riconosciuta ed amata? l’energia non segue la logica, ma la via dell’amore.

Quando tutto è affidato a ciò che è, nell’amore e nella coscienza dell’essere, dall’esterno una forza superiore guida e agisce verso esperienze e comprensioni che sarebbero impossibili determinare. Siamo sempre esposti a un tutto più grande, ma senza saperlo. Noi non ci rendiamo conto di ciò che ci succede e viviamo in modo superficiale tante esperienze, ma un segno indelebile rimane inciso nell’anima fino a quando non viene affidato ad una Forza Superiore che libera e scioglie ogni blocco. Capisco che forse è un linguaggio poco comprensibile, perché sono le esperienze a far vivere le emozioni, le sensazioni e le percezioni, ma se riusciamo ad affidarci a questa Grande Forza che va al di là di ogni pensiero e comprensione riusciamo ad ottenere molte risposte che restano nascoste e silenziose nei nostri cuori, fai un’esperienza di questo tipo e la pace inonderà il tuo cuore.

Se ti fa piacere scrivimi e parla della tua esperienza: info@paolaavallone.it

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn